Meditazioni per la Settimana Santa

Con Maria a Betania – Lunedì Santo

Maria, presa una libbra di olio profumato di vero nardo, assai prezioso, cosparse i piedi di Gesù e li asciugò con i suoi capelli e tutta la casa si riempì del profumo dell’unguento. Allora Giuda Iscariota, uno dei suoi discepoli, che doveva poi tradirlo, disse: «Perché quest’olio profumato non si è venduto per trecento denari per poi darli ai poveri?». Maria di betania

Gesù allora disse: «Lasciala fare, perché lo conservi per il giorno della mia sepoltura. I poveri infatti li avete sempre con voi, ma non sempre avete me» (Gv 12,3-5.7-8).

Maria di Betania 

Sapevo che saresti tornato: manca solo una settimana alla Pasqua. Non avrei mai voluto rivederti. Tu stesso non vuoi essere salvato da quest’ora, proprio perché per quest’ora sei venuto. Non sopporto di vederti seduto a questo banchetto con Simone e Lazzaro che mangiano e sorridono. E Marta, tutta presa dalla gioia del tuo ritorno non capisce che tu sei tornato per morire. Eppure so che tu vorresti che anche questo tuo addio fosse accolto con gioia.   

Stasera mentre tutti ti onorano al banchetto io ti onorerò a mio modo, con questa libbra di unguento di nardo puro, così come si onora chi ci è caro, nel giorno della sua sepoltura. Vedi, tutti si meravigliano mentre io ungo i tuoi piedi con questo unguento e li asciugo con i miei capelli e tutta la casa si riempie di un profumo che non è quello del cibo, ma quello della morte.

Addio Maestro, io non ho il coraggio di seguirti. Quando mi sarò rialzata dai tuoi piedi, sarà l’ultima volta che avrai visto in volto Maria di Betania.

Così ha inizio la Passione.

Sostiamo, pregando oggi, in comunione con ogni donna consacrata, discepola del Risorto, che a Lui ha consegnato tutte le forze, l’intelligenza, il cuore, per essere trasformata in dono d’amore per l’umanità.

 

Ti seguiamo, Signore Gesù:

i nostri piedi sulle tue orme e le tue parole sulle nostre labbra.

Così portiamo nel mondo il profumo di Betania,

dolce e intenso aroma di dono e di morte, di amore e di risurrezione.

  

Le donne a Gerusalemme – Martedì Santo

Giuda, preso un distaccamento di soldati e delle guardie si recò là con lanterne, torce e armi. Gesù allora, conoscendo tutto quello che gli doveva accadere, si fece innanzi e disse loro: «Chi cercate?». Gli risposero: «Gesù, il Nazareno». Disse loro Gesù: «Sono io!». Vi era là con loro anche Giuda, il traditore. Appena disse «Sono io», indietreggiarono e caddero a terra. Domandò loro di nuovo: «Chi cercate?». Risposero: «Gesù, il Nazareno». Gesù replicò: «Vi ho detto che sono io. Se dunque cercate me, lasciate che questi se ne vadano» (cfr. Gv 18,3-8).

Strade di Gerusalemme. Un gruppo di donne, smarrito, le percorre come sospinto da un vento che le porta davanti a un immenso portone di legno rinforzato da chiodi. I volti delle donne non si distinguono…  donne a Gerusalemme tra folla

Donne

Dove ti hanno portato? Nessuno vuole ascoltarci, solo Tu ci ascoltavi, solo Tu ci parlavi. Ma non riusciranno a convincerci che il nostro sia stato soltanto un sogno, un’illusione di libertà. Qualcuno ci ha detto che ti hanno preso di notte, in un luogo dove li aspettavi pregando.  

La portinaia

Appena l’ho tirato per la manica ha sgranato gli occhi, dalla paura non aveva neanche il fiato per rispondermi. Non capisco, voglio solo che qualcuno mi dica qualcosa su quel poveretto che hanno trascinato dentro, poco fa. Era pallido come uno straccio. Quanti ne ho visti conciati a quel modo!

Prima che arrivassero tutti gli altri con quel poveraccio, è tornato a casa Malco, mio nipote. Era fuori di testa poverino. È crollato, si è seduto sul gradino e si è messo a piangere. Poi mi ha raccontato una storia incredibile.  

Allora Simon Pietro, che aveva una spada, la trasse fuori e colpì il servo del sommo sacerdote e gli tagliò l’orecchio destro. Quel servo si chiamava Malco. Gesù allora disse a Pietro: «Rimetti la tua spada nel fodero; non devo forse bere il calice che il Padre mi ha dato?» Le guardie dei Giudei afferrarono Gesù, lo legarono e lo condussero prima da Anna. Intanto Pietro seguiva Gesù. La giovane portinaia disse a Pietro: «Forse anche tu sei dei discepoli di quest’uomo?». Egli rispose: «Non lo sono» (cfr. Gv. 18,10-12.14-17).

La portinaia

Quel Gesù gli aveva riattaccato un orecchio. Così quando poco dopo sono arrivati gli altri e hanno portato da Caifa quel profeta mi è venuta la curiosità di sapere qualcosa di più. Anch’io, prima di andarmene, vorrei capire qualcosa di questo mondo in cui ho vissuto come in un sogno. Ho voglia che qualcuno dica anche a me: «Donna, hai sofferto? Donna non c’è mai stato nessuno che abbia avuto pietà di te?». Forse quel Gesù avrebbe potuto dirmelo, peccatrice perdonata ma l’ho incontrato troppo tardi.

Ho esperienza: so come vanno a finire queste cose. Per questo ho tirato la manica a quel suo amico, Pietro, speravo che mi dicesse qualcosa di più. Invece mi ha detto che non lo conosceva, che non lo aveva mai visto ed è scappato. Gli sono andata dietro di nascosto, l’ho visto: appena fuori dal portone si è appoggiato al muro ed è scoppiato in singhiozzi.

Tutti piangono stasera e nessuno mi dice nulla. Ma io non ho più voglia di vivere così. Mi alzerò e, quando lo porteranno fuori, io seguirò quel Gesù e forse si accorgerà di me e mi dirà: «Donna, hai sofferto molto, hai atteso molto, ma adesso io sono venuto anche per te».

 

Sostiamo, pregando oggi, in comunione con ogni donna non amata, usata, violentata; con ogni donna di cui viene violata la dignità.

 

Dio dell’amore e Signore della tenerezza,

abbracciaci con la delicata forza della misericordia,

facci gustare la gioia intima e profonda

della gratuità di chi ama, donando la vita.

 

Le donne sulla via dolorosa – Mercoledì Santo

Lo seguiva una gran folla di popolo e di donne che si battevano il petto e facevano lamenti su di lui. Ma Gesù, voltandosi verso le donne, disse: «Figlie di Gerusalemme, non piangete su di me, ma piangete su voi stesse e sui vostri figli. Ecco, verranno giorni nei quali si dirà: Beate le sterili e i grembi che non hanno generato e le mammelle che non hanno allattato» (Lc 23,27-29).

Strade di Gerusalemme

Gesù è condotto verso il luogo detto del Cranio che in ebraico si chiama Golgota.  

Donne

Più tardi avremo tempo di piangere per noi e per i nostri figli. Adesso vogliamo solo accompagnare il tuo corpo là dove verrà distrutto, piangere la dolce forma di uomo che scomparirà per sempre. Non vietarci di piangerti mentre la tua pelle viene lacerata e le tue ossa figlia di Giairo percosse, mentre la tua cara immagine sparisce sotto il sangue.

Veronica

Ho voluto asciugare il tuo volto, come si fa con un bambino che torna a casa la sera, sudato, dopo aver giocato sotto il sole. Questo è tutto. Dimenticatemi pure, che importa? Il mio fazzoletto macchiato di sangue, l’avete ritenuto sconveniente. Io volevo soltanto recargli sollievo, togliergli tutto quel sangue dagli occhi perché non inciampasse e cadesse sotto il peso di quella trave… Cancellatemi pure dal vostro ricordo, la mia ricompensa l’ho già avuta: dietro quel velo per la prima e l’ultima volta ho incontrato il suo sguardo.

 

Sostiamo, pregando oggi, in comunione con ogni madre che accompagna un figlio nella sofferenza, nella malattia, nella morte.

Signore Gesù, anche oggi ci sono Golgota da raggiungere,

sotto il peso di un’impotenza che ci dilania l’anima;

figli consegnati a una croce che non possiamo far nostra.

Uomo della croce, il tuo Spirito sostenga ogni passo

e custodisca ogni lacrima. Amen

 

Nel cenacolo… – Giovedì Santo

Durante la cena, quando il diavolo aveva già messo in cuore a Giuda, figlio di Simone Iscariota, di tradirlo, Gesù, sapendo che il Padre gli aveva dato tutto nelle mani e che era venuto da Dio e a Dio ritornava, si alzò da tavola, depose le vesti, prese un asciugamano e se lo cinse attorno alla vita. Poi versò dell’acqua nel catino e cominciò a lavare i piedi dei discepoli e ad asciugarli con l’asciugamano di cui si era cinto.  (Gv 13,2-5).   

Una sala dove consumare la cena, in una Gerusalemme addobbata a festa. Gesù è con i suoi, è Pasqua; e quella cena non è una cena qualunque. E’ il ricordo del passaggio… di una notte di salvezza e di liberazione.

Donne

Dicono tutti che noi non c’eravamo. La nostra presenza, più che la nostra assenza, oggi sarebbe un dettaglio troppo scomodo da accettare. Lui, in fondo aveva fatto quello che spettava a noi, quello che noi eravamo abituate a fare: lavare i piedi.

Nessuno si sarebbe stupito, nessuno lo avrebbe ricordato se al suo posto ci fosse stata una donna. Ma quella sera lui, incurante della nostra presenza, non aveva tentennato, non voleva il nostro aiuto, non aveva bisogno di chi lo servisse.

Lavanda-dei-piedi

Senza grandi gesti, ma deciso, aveva preso un catino e, piegandosi, aveva cominciato a lavare i piedi. Il maestro era piegato, davanti a noi, come l’ultimo degli schiavi, come il più umile tra i servi.

La madre di Gesù

“Lo chiamerai Gesù, sarà grande e chiamato figlio dell’Altissimo”… quanto sono lontane le parole di quell’angelo. Lo vedo piegato, come sotto un grande peso… cosa c’è di grande in tutto questo? Un servo, un umile servo che accarezza ciò che un uomo ha di più impuro e sporco. Era questo ciò che quel corpo di figlio doveva diventare? Questo aveva in mente quando, nella cena, ha offerto sé stesso, ha dato il suo corpo, la sua vita, come pane da spezzare e mangiare?

Fatelo! Voi che lo seguite, fate quello che vi dice: “Prendete e mangiate, spezzate e nutritevi del suo corpo, della sua vita, di ogni sua parola, per essere come lui spezzati per amore”. Esistono anche per voi cenacoli in cui entrare, momenti in cui consegnarsi come dono, situazioni in cui piegarsi, amando ogni fragilità.

 

Sostiamo, pregando oggi, in comunione con le donne che portano la speranza in situazioni di morte, che vivono la vita come dono, che offrono se stesse per generare amore, che con coraggio fanno vivere la vita.

Preghiera

Il nostro corpo, Signore, è fatto per spezzarsi,

per essere attraversato dalla vita,

per vivere e far vivere.

Portaci nel cenacolo della tenerezza,

dove Dio si è chinato davanti all’uomo

e insegnaci la forza rivoluzionaria dell’amore

che gratuitamente riceve e gratuitamente dà.

 

Le donne ai piedi della croce – Venerdì Santo

C’erano anche alcune donne, che stavano a osservare da lontano, tra le quali Maria di Màgdala, Maria madre di Giacomo il minore e di Ioses, e Salome, che lo seguivano e servivano quando era ancora in Galilea, e molte altre che erano salite con lui a Gerusalemme (Mc. 15,40-41).

La cima di un monticello, poco fuori Gerusalemme. Tre croci da cui pendono i corpi dei condannati. Poca gente ai piedi delle croci: qualche soldato, le donne.

Donne

Ci hai guardato e hai visto la desolazione di tua madre e le hai indicato un nuovo figlio. Lei, tacendo, ti ha seguito dalla stalla di Bethlem fino alla croce del Golgota. Nessuno dice addio a chi ama.

Elisabetta e Maria

Anche di fronte alla morte non c’era bisogno che vi diceste nulla.

La madre di Giacomo e Giovanni

Uno a destra, l’altro a sinistra. Da quelle croci è come se vedessi pendere i corpi dei miei figli. Ricordo il giorno, sulla strada di Gerusalemme, quando ti chiesi che così, uno alla tua destra, l’altro alla tua sinistra stessero i miei figli nel tuo regno e tu mi hai guardato con immensa tristezza e mi hai risposto che non sapevo ciò che domandavo. Era dunque questo monte e queste croci che vedevi davanti ai tuoi occhi? Era dunque questo il calice che dicevi di dover bere?

Sostiamo, pregando oggi, in comunione con le madri che ricevono, tra le braccia, i corpi dei figli detenuti, uccisi per violenze, tortura, pena capitale.

 

Preghiera

Sappiamo avvolgere il neonato nelle fasce

 come avvolgere nel sudario il corpo di un adulto.

 La nascita e la morte, tutto passa tra le nostre mani.

 Apriamo e chiudiamo ogni storia.

 Più tardi porteremo aromi e profumi.

 Stasera basteranno i fiori di questo giardino

 e le nostre lacrime.

  

Nel silenzio… la vita! – Sabato Santo

Nel luogo dove era stato crocifisso, vi era un giardino e nel giardino un sepolcro nuovo, nel quale nessuno era stato ancora posto. Là dunque, poiché era il giorno della Parasceve dei Giudei e dato che il sepolcro era vicino, posero Gesù (Gv 19,41-42).

Siamo poco fuori da Gerusalemme. Luogo di esecuzioni, di morte, di impurità. Il corpo del Salvatore, come quello di un comune ribelle, è raccolto dall’atroce strumento di condanna: la croce.  

Donne

Non più lontane… non più separate dal tuo corpo. Non più allontanate da guardie o da un legno. Ora il tuo corpo è affidato a noi, come sempre in questi casi. Noi raccogliamo ciò che resta dei corpi inermi, solo noi riusciamo ad abbracciare la morte, con lo stesso amore e la stessa tenerezza con cui abbracciamo la vita.

Oggi avvolgiamo, in morbidi lini il tuo corpo, bagnato non da oli profumati, ma dalle lacrime della madre tua… dalle lacrime dell’umanità ferita e sofferente.  

Cristo sposo e madre

Ti abbiamo deposto in un sepolcro e, lasciandoti, abbiamo avuto l’impressione di consegnarti non a una fredda pietra, ma alle braccia spalancate di tutta la creazione. Non ci è sembrato di abbandonare il tuo corpo. Abbiamo solo pensato di affidarti a mani che ti attendevano da tutta l’eternità.

Chi sei Gesù di Nazareth? Ti abbiamo seguito come maestro buono; abbiamo mangiato le tue parole come fossero pane e bevuto i tuoi gesti come fossero acqua fresca, sempre zampillante. Ma oggi, nel silenzio di quel corpo inerme, ti abbiamo sentito vivere, nel cuore della stessa morte.

Sostiamo, pregando, in comunione con tutti i fratelli e sorelle defunti. Con coloro, vicini o lontani, da cui la morte ci ha separato. Per loro preghiamo, nella certezza che Dio Padre, in Gesù, oggi, sta spezzando le catene della morte e del peccato.

 

Va guardato, contemplato, ascoltato…

Non è solo il crocifisso, morto e sepolto; e non è neppure il Risorto… non ancora almeno.

Dobbiamo contemplare il Cristo sposo, reso madre dalla morte, dal suo essersi consegnato, per amore.

Il corpo ucciso dell’uomo è disteso, avvolto dalla sindone, ma vive.

 

Cristo sposo

Il tuo grembo, Signore Gesù, oggi partorisce vita

e il tuo costato trafitto la nutre.

 Noi contempliamo te, Cristo sposo.

 Oggi ascoltiamo il silenzio della creazione

 che attende di essere liberata, per sempre, dalla morte.

 In questo lungo sabato santo,

 il tuo silenzio è parola,

 la sua assenza presenza feconda…

tu, nascosto ai nostri occhi,

 ci stai generando all’eternità.

 

Pasqua… vita che rinasce!

Il primo giorno della settimana, Maria di Magdala si recò al sepolcro di mattino, quando era ancora buio. Vide che la pietra era stata tolta da sepolcro.

Pasqua: le pietre di ogni sepolcro vengono rotolate via.

Maria stava all’esterno, vicino al sepolcro, e piangeva. Mentre piangeva, si chinò verso il sepolcro e vide due angeli in bianche vesti, seduti l’uno dalla parte del capo e l’altro dei piedi, dove era stato posto il corpo di Gesù. Ed essi le dissero: «Donna, perché piangi?»  

Pasqua: la vita risorge, il buio è infranto, la notte termina il suo corso.

La vita rinasce oggi… nell’innocenza violentata di ogni bambino; tra i corpi colpiti e torturati di innocenti; nelle esistenze lacerate e martoriate…

La vita risplende, nuova… negli sguardi smarriti di genitori inermi, tra le loro mani, private di lavoro e incapaci di dare pane, nei loro silenzi che chiedono un futuro.

La vita, delicatamente, accarezza la guancia colpita e ridona bellezza a ogni dignità tradita. La vita guarisce, ovunque, le ferite dell’anima. La vita brilla e rende luminosa ogni diversità offesa.

La sera di quel giorno, il primo della settimana, mentre erano chiuse le porte del luogo dove si trovavano i discepoli per timore dei Giudei, venne Gesù, stette in mezzo e disse loro: «Pace a voi!». Detto questo, mostrò loro le mani e il fianco. E i discepoli gioirono al vedere il Signore.

È Pasqua! È tempo di nuova risurrezione, è tempo della vita che germoglia.

Risorgi, Signore!

Dove la speranza è ferita dalla resa; dove l’amore è bloccato dalla paura; dove la diversità è sbeffeggiata dall’intolleranza; dove la fraternità è tradita dall’opportunismo; dove la tenerezza è delusa dalla violenza; dove il perdono è inascoltato dalla vendetta; dove la giustizia è silenziata dall’omertà; dove la morte ha detto l’ultima parola.

 

Pregando…

 Abbiamo sete di risurrezione, Signore.

 Abbiamo fame di vita nuova,

 di quella vita attraversata dalla bellezza

 e illuminata dalla tenerezza.

 Vivi, Signore Risorto, vivi oggi!

 Risorgi tra noi, Gesù di Nazareth,

 e spezza le catene di ogni morte,

 spalanca le porte di ogni sepolcro,

 prendici per mano e riconsegnaci alla vita.  Amen.

 

Gesù disse loro di nuovo: «Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anche io mando voi».

Buona Pasqua di Risurrezione, di vita decisamente nuova, di speranza sempre possibile!

 

Maria di Magdala – Tempo Pasquale

Le disse Gesù: «Donna, perché piangi? Chi cerchi?». Essa, pensando che fosse il custode del giardino, gli disse: «Signore, se l’hai portato via tu, dimmi dove lo hai posto e io andrò a prenderlo». Gesù le disse: «Maria!». Essa allora, voltatasi verso di lui, gli disse in ebraico: «Rabbunì!», che significa: Maestro! Gesù le disse: «Non mi trattenere, perché non sono ancora salito al Padre; ma va’ dai miei fratelli e di’ loro: «Io salgo al Padre mio e Padre vostro, Dio mio e Dio vostro». Maria di Màgdala andò subito ad annunziare ai discepoli: «Ho visto il Signore» e anche ciò che le aveva detto (Gv. 20,15-18).

Maria di Magdala 

Era mattina, quasi ancora buio, la pietra era rimossa e il sepolcro era vuoto. Piansi a lungo accanto al sepolcro del mio Signore perché mi era insopportabile l’idea che non rimanesse nulla di lui. Quando mi voltai vidi un uomo che non avevo mai visto e nessuno era là a sentire la sua voce quando mi chiamò per nome: «Maria!».

Quante volte mi aveva chiamata così, eppure mai avevo sentito tanta dolcezza nella sua voce.

In quella chiamata c’era il mantenimento di una promessa, c’era l’adempimento del suo amore per me. Come è bello ricordare un amore totale per ciascuno di noi, con il suo nome, con il suo corpo, con la sua povera vita. Solo allora riconobbi quello sconosciuto e gli caddi ai piedi: «Rabbunì!» esclamai ed ero felice.

Ora so che non era possibile riconoscerlo prima che mi avesse chiamato. Neppure voi potrete riconoscerlo prima che egli vi chiami, anche se egli è lì, dinanzi a voi da sempre, eppure voi non sapete chi sia finché non vi avrà chiamato per nome.

Questo è il semplice segreto di Maria di Màgdala.

 

Sostiamo, in comunione con tutte le giovani donne che oggi, scelgono di donare la vita per il Vangelo, che scelgono di consacrare a Dio le loro migliori energie, la loro passione, l’intelligenza perché il Vangelo risuoni nel mondo.

 

 

Preghiera

 Vogliamo donarti la vita, Signore Gesù!

 Vogliamo che le nostre energie,

 la nostra naturale passione per la vita,

 la nostra voglia di amare

 diventino strumenti di salvezza,

 annuncio gratuito e libero della tua presenza

 che dà, alla vita, nuova pienezza.

 Chiamaci, Signore, anche oggi,

 come in ogni tempo…

 E sia libero e generoso il nostro sì! Amen

 Meditazioni di Suor Mariangela, fsp

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento