Novena all’Immacolata Concezione

NOVENA ALL'IMMACOLATA CONCEZIONE

 

PRIMO GIORNO: Maria, nell’Annunciazione del Signore.

Santissima Immacolata Vergine e Madre mia Maria, tu sei la Madre del mio Signore, la piena di Grazia, la Regina del mondo, l’Avvocata, la Speranza, il Rifugio dei peccatori.

Da oggi, per nove giorni, ricorrerò a te pregandoti e onorandoti.

 

”…Ti saluto, o piena di grazia….”

 

Dal Vangelo di Luca

Nel sesto mese, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, sposa di un uomo della casa di Davide, chiamato Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: “Ti saluto, o piena di grazia, il Signore è con te”. A queste parole ella rimase turbata e si domandava che senso avesse un tale saluto. L’angelo le disse: “Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ecco concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide Suo Padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine”.

Allora Maria disse all’angelo: “Come è possibile? Non conosco uomo”. Le rispose l’angelo: “Lo Spirito Santo scenderà su di te, su te stenderà la sua ombra la potenza dell’Altissimo. Colui che nascerà sarà dunque santo e chiamato Figlio di Dio. Vedi: anche Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia, ha concepito un figlio e questo è il sesto mese per lei, che tutti dicevano sterile: nulla è impossibile a Dio”. Allora Maria disse: “Eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto”. E l’angelo partì da lei.

 

” …Piena di grazia, il Signore è con te….”

 

L’Immacolata non ebbe mai nessuna macchia di peccato, il che vuol dire che il suo amore fu sempre totale, senza alcun difetto.

Amò Dio con tutto il proprio essere e l’amore la unì con Dio in un modo così perfetto fin dal primo istante di vita che, nel giorno dell’annunciazione, l’angelo poté rivolgersi a lei dicendo “Piena di grazia, il Signore è con te”.

Ella è dunque, creatura di Dio, proprietà di Dio, somiglianza di Dio, immagine di Dio, figlia di Dio, nel modo più perfetto possibile ad un essere meramente umano….

Preghiamo una decina del santo Rosario secondo le intenzioni della Vergine Immacolata, Madre di Dio.

 

Padre Nostro

10 Ave Maria

Gloria al Padre

 

Richiesta della Grazia

 

O Dio, che nell’immacolata Concezione della Vergine hai preparato una degna dimora per il tuo Figlio, e l’hai preservata da ogni macchia di peccato, concedi a noi, per sua intercessione la grazia che ti chiediamo…

 

Preghiamo:

 

O Dio, che nell’incarnazione del tuo Figlio hai allietato il mondo intero, concedi a noi, che veneriamo Maria Immacolata, di camminare costantemente nella via dei suoi insegnamenti e di tenere fissi i nostri cuori dove è la vera gioia.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

 

 

SECONDO GIORNO: Maria, prima Missionaria

”….Benedetta tu fra le donne…”

 

Dal Vangelo secondo Luca

In quei giorni, Maria si mise in viaggio verso la montagna e raggiunse in fretta una città di Giuda. Entrata nella casa di Zaccaria, salutò Elisabetta.

Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino le sussultò nel grembo. Elisabetta fu piena di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: “Benedetta tu fra le donne, e benedetto il frutto del tuo grembo! A che debbo che la madre del mio Signore venga a me? Ecco, appena la voce del tuo saluto è giunta ai miei orecchi, il bambino ha esultato di gioia nel mio grembo e beata colei che ha creduto nell’adempimento delle parole del Signore”.

 

”….fu concepita senza peccato…”

 

Fin dall’eternità, Dio aveva previsto una creatura che in nessuna cosa, nemmeno la più piccola, si sarebbe allontanata da lui, che non avrebbe dissipato nessuna grazia, che non si sarebbe appropriata di nessuna cosa ricevuta da lui: Maria di Nazareth.

Egli poi non permise che ella fosse contaminata dalla macchia del peccato originale, fu concepita senza peccato, concepita immacolatamente.

A santa Bernadette, che più volte a Lourdes l’aveva interrogata, la vergine Immacolata rispose: “Io sono l’Immacolata Concezione”.

Con queste parole ella affermò chiaramente di essere non soltanto concepita senza peccato, ma anzi la stessa Immacolata Concezione…

 

Preghiamo una decina del santo Rosario secondo le intenzioni della Vergine Immacolata, Madre di Dio.

 

Padre Nostro

10 Ave Maria

Gloria al Padre

 

Richiesta della Grazia

 

O Dio, che nell’immacolata Concezione della Vergine hai preparato una degna dimora per il tuo Figlio, e l’hai preservata da ogni macchia di peccato, concedi a noi, per sua intercessione la grazia che ti chiediamo…

 

Preghiamo:

 

Padre santo, tu hai manifestato la grandezza sublime della Vergine Maria nel saluto profetico di Elisabetta.

Illuminata dal tuo Spirito, la madre del precursore proclamò Maria beata per aver creduto alla salvezza promessa; e nel premuroso gesto della sua carità riconobbe la Madre del Signore.

Fa’ che docili all’azione dello Spirito possiamo anche noi portare Cristo ai fratelli e magnificare il tuo nome con inni di lode e con la santità della vita.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

 

TERZO GIORNOMaria Regina, la serva del Signore

”…L’anima mia magnifica il Signore…”

 

Dal Vangelo secondo Luca

«L’anima mia magnifica il Signore

e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,

perché ha guardato l’umiltà della sua serva.

D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.

Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente

e Santo è il suo nome;

di generazione in generazione la sua misericordia

per quelli che lo temono.

Ha spiegato la potenza del suo braccio,

ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;

ha rovesciato i potenti dai troni,

ha innalzato gli umili;

ha ricolmato di beni gli affamati,

ha rimandato i ricchi a mani vuote.

Ha soccorso Israele, suo servo,

ricordandosi della sua misericordia,

come aveva detto ai nostri padri,

per Abramo e la sua discendenza, per sempre».

 

”….L’apice delle perfezioni…”

 

L’Immacolata è l’apice delle perfezioni del creato, Madre di Dio, la più divinizzata tra le creature.

Lo scopo della creazione, lo scopo dell’uomo è lo sforzo sempre maggiore di rendersi simile al Creatore, la divinizzazione sempre più perfetta…

Noi imitiamo le persone buone, virtuose, sante, ma nessuna di esse è senza imperfezioni; solo lei, senza macchia di peccato fin dal primo istante della sua esistenza, non ha conosciuto nessuna caduta, nemmeno la più leggera.

Imitare lei, dunque, avvicinarsi a lei, offrirsi in proprietà a lei, divenire lei, ecco il vertice della perfezione dell’uomo.

 

Preghiamo una decina del santo Rosario secondo le intenzioni della Vergine Immacolata, Madre di Dio.

 

Padre Nostro

10 Ave Maria

Gloria al Padre

 

Richiesta della Grazia

 

O Dio, che nell’immacolata Concezione della Vergine hai preparato una degna dimora per il tuo Figlio, e l’hai preservata da ogni macchia di peccato, concedi a noi, per sua intercessione la grazia che ti chiediamo…

 

Preghiamo:

 

Signore nostro Dio, che hai fatto della Vergine Maria il modello di chi accoglie la tua Parola e la mette in pratica, apri il nostro cuore alla beatitudine dell'ascolto, e con la forza del tuo Spirito fa' che anche noi diventiamo luogo santo in cui la tua Parola di salvezza oggi si compie.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

 


QUARTO GIORNO: Maria, Vergine Madre

”…Ecco, la vergine concepirà…”

 

Dal Vangelo secondo Matteo

Ecco come avvenne la nascita di Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, che era giusto e non voleva ripudiarla, decise di licenziarla in segreto. Mentre però stava pensando a queste cose, ecco che gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa, perché quel che è generato in lei viene dallo Spirito Santo. Essa partorirà un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati». Tutto questo avvenne perché si adempisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta:

Ecco, la vergine concepirà e partorirà un figlio

che sarà chiamato Emmanuele,

che significa Dio con noi.

Destatosi dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l'angelo del Signore e prese con sé la sua sposa, la quale, senza che egli la conoscesse, partorì un figlio, che egli chiamò Gesù.

 

”….La più perfetta tra le creature…”

 

La Vergine Immacolata, la più perfetta tra le creature, è stata elevata al di sopra di ogni creatura, ed è una creatura divina in un modo ineffabile.

Il Figlio di Dio, infatti, discese dal Padre per mezzo dello Spirito Santo, prese dimora in lei, si incarnò in lei ed ella divenne la Madre di Dio, la Madre dell’Uomo-Dio, la Madre di Gesù.

Qualsiasi manifestazione di amore delle creature non giunge al cospetto di Dio se prima l’Immacolata non l’ha purificata dalle imperfezioni, se Gesù non l’ha elevata a un valore infinito e, perciò, non l’ha resa degna della maestà del Padre celeste.

L’unione tra lo Spirito santo e la Vergine Immacolata è così stretta che lo Spirito Santo, che ha compenetrato profondamente l’anima dell’Immacolata, non esercita alcun influsso sulle anime se non per mezzo di lei.

Ella è divenuta la mediatrice di tutte le grazie, proprio per questo ella è veramente la Madre di ogni grazia divina.

Per questo ancora elle è la Regina degli angeli e dei santi, è l’aiuto dei cristiani, è il rifugio dei peccatori.

 

Preghiamo una decina del santo Rosario secondo le intenzioni della Vergine Immacolata, Madre di Dio.

 

Padre Nostro

10 Ave Maria

Gloria al Padre

 

Richiesta della Grazia

 

O Dio, che nell’immacolata Concezione della Vergine hai preparato una degna dimora per il tuo Figlio, e l’hai preservata da ogni macchia di peccato, concedi a noi, per sua intercessione la grazia che ti chiediamo…

 

Preghiamo:

 

Padre santo, noi ti lodiamo e ti glorifichiamo perché nella verginità feconda di Maria hai donato agli uomini i beni della salvezza eterna.

Fa’ che sperimentiamo la sua intercessione, poiché per mezzo di lei abbiamo ricevuto l’autore della vita, Cristo tuo Figlio. Amen.

 

QUINTO GIORNO: Maria, Madre Purissima

Maria e Gesù Bambino

 

”…Venne il tempo della loro purificazione…”

 

Dal Vangelo secondo Luca

Quando venne il tempo della loro purificazione secondo la Legge di Mosè, portarono il bambino a Gerusalemme per offrirlo al Signore, come è scritto nella Legge del Signore: ogni maschio primogenito sarà sacro al Signore; e per offrire in sacrificio una coppia di tortore o di giovani colombi, come prescrive la Legge del Signore.

Ora a Gerusalemme c'era un uomo di nome Simeone, uomo giusto e timorato di Dio, che aspettava il conforto d'Israele; o Spirito Santo che era sopra di lui, gli aveva preannunziato che non avrebbe visto la morte senza prima aver veduto il Messia del Signore. Mosso dunque dallo Spirito, si recò al tempio; e mentre i genitori vi portavano il bambino Gesù per adempiere la Legge, lo prese tra le braccia e benedisse Dio:

«Ora lascia, o Signore, che il tuo servo

vada in pace secondo la tua parola;

perché i miei occhi han visto la tua salvezza,

preparata da te davanti a tutti i popoli,

luce per illuminare le genti

e gloria del tuo popolo Israele».

Il padre e la madre di Gesù si stupivano delle cose che si dicevano di lui. Simeone li benedisse e parlò a Maria, sua madre: «Egli è qui per la rovina e la risurrezione di molti in Israele, segno di contraddizione perché siano svelati i pensieri di molti cuori. E anche a te una spada trafiggerà l'anima».

 

”….immagine fedele della perfezione…”

 

La Vergine Immacolata è l’opera più perfetta e la più santa, poiché Dio, come afferma san Bonaventura, può creare un mondo più grande e più perfetto, ma non può elevare nessuna creatura a una dignità più elevata di quella a cui ha elevato Maria.

L’Immacolata è il limite ultimo tra Dio e la creazione.

Ella è un’immagine fedele della perfezione di Dio, della sua santità.

Poiché la Madonna ha superato con la sua perfezione tutti gli angeli e i santi, perciò anche la sua volontà è unita e immedesimata, nel modo più stretto, nella volontà di Dio.

Ella vive e opera unicamente in Dio e per mezzo di Dio.

 

Preghiamo una decina del santo Rosario secondo le intenzioni della Vergine Immacolata, Madre di Dio.

 

Padre Nostro

10 Ave Maria

Gloria al Padre

 

Richiesta della Grazia

 

O Dio, che nell’immacolata Concezione della Vergine hai preparato una degna dimora per il tuo Figlio, e l’hai preservata da ogni macchia di peccato, concedi a noi, per sua intercessione la grazia che ti chiediamo…

 

Preghiamo:

 

O Padre, risplenda sempre la vergine Chiesa, sposa del Cristo, per l’incontaminata fedeltà al patto del tuo amore; e sull’esempio di Maria, umile tua serva, che presentò nel Tempio l’Autore della nuova legge, custodisca la purezza della fede, alimenti l’ardore della carità, ravvivi la speranza nei beni futuri.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

 

SESTO GIORNO: Maria, Regina della famiglia

 

Sacra Famiglia 

”…serbava tutte queste cose nel suo cuore…”

 

Dal Vangelo secondo Luca

I suoi genitori si recavano tutti gli anni a Gerusalemme per la festa di Pasqua. Quando egli ebbe dodici anni, vi salirono di nuovo secondo l'usanza; ma trascorsi i giorni della festa, mentre riprendevano la via del ritorno, il fanciullo Gesù rimase a Gerusalemme, senza che i genitori se ne accorgessero. Credendolo nella carovana, fecero una giornata di viaggio, e poi si misero a cercarlo tra i parenti e i conoscenti; non avendolo trovato, tornarono in cerca di lui a Gerusalemme. Dopo tre giorni lo trovarono nel tempio, seduto in mezzo ai dottori, mentre li ascoltava e li interrogava. E tutti quelli che l'udivano erano pieni di stupore per la sua intelligenza e le sue risposte. Al vederlo restarono stupiti e sua madre gli disse: "Figlio, perché ci hai fatto così? Ecco, tuo padre e io, angosciati, ti cercavamo". Ed egli rispose: "Perché mi cercavate? Non sapevate che io devo occuparmi delle cose del Padre mio?". Ma essi non compresero le sue parole.

Partì dunque con loro e tornò a Nazareth e stava loro sottomesso. Sua madre serbava tutte queste cose nel suo cuore. E Gesù cresceva in sapienza, età e grazia davanti a Dio e agli uomini.

 

”….appartenere ogni giorno di più a lei …”


Qualunque cosa noi facciamo, fosse anche l’atto più eroico, in grado di sconvolgere le basi di ogni male esistente sulla terra, ha qualche valore unicamente se, facendo tale atto, la nostra volontà si mette in armonia con la volontà dell’Immacolata e, attraverso lei, con la volontà di Dio.

Una cosa soltanto, quindi, vale a dire la fusione della nostra volontà con la sua, ha un certo valore, anzi un valore totale.

Questa è l’essenza dell’amore che ci deve trasformare, attraverso l’Immacolata, in Dio, che deve bruciare noi e, per mezzo nostro, incendiare il mondo e distruggere, consumare in esso ogni forma di male.

Preoccupiamoci di appartenere ogni giorno di più a lei, di lasciarci condurre da lei in modo sempre più perfetto, in modo sempre più sereno, con fiducia e confidenza sempre maggiori, attraverso tutto ciò che ella permette, sia in noi che attorno a noi e in confronto a noi, sicché possiamo diventare in tal modo uno strumento più perfetto nelle sue mani immacolate.


Preghiamo una decina del santo Rosario secondo le intenzioni della Vergine Immacolata, Madre di Dio.

 

Padre Nostro

10 Ave Maria

Gloria al Padre

 

Richiesta della Grazia

 

O Dio, che nell’immacolata Concezione della Vergine hai preparato una degna dimora per il tuo Figlio, e l’hai preservata da ogni macchia di peccato, concedi a noi, per sua intercessione la grazia che ti chiediamo…

 

Preghiamo:

 

Padre santo, noi ti lodiamo per Maria.

In quotidiana familiarità con il Figlio nella casa di Nazareth, culla della Chiesa, ella offre a noi un prezioso insegnamento di vita.

Unita a Giuseppe, uomo giusto, da un vincolo di amore sponsale e verginale, ti celebra con i cantici, ti adora nel silenzio, ti loda con il lavoro delle mani, ti glorifica con tutta la vita.

Dona a noi di imitare la Vergine Immacolata come modello di moglie e madre per rendere sante anche le nostre famiglie.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

 

SETTIMO GIORNO: Maria, mediatrice di tutte le grazie.

 

Ave Maria

”…Non hanno più vino …”

 

Dal Vangelo secondo Giovanni

Tre giorni dopo, ci fu uno sposalizio a Cana di Galilea e c'era la madre di Gesù.

Fu invitato alle nozze anche Gesù con i suoi discepoli.

Nel frattempo, venuto a mancare il vino, la madre di Gesù gli disse: «Non hanno più vino».

 E Gesù rispose: «Che ho da fare con te, o donna? Non è ancora giunta la mia ora».

 La madre dice ai servi: «Fate quello che vi dirà».

 Vi erano là sei giare di pietra per la purificazione dei Giudei, contenenti ciascuna due o tre barili.

 E Gesù disse loro: «Riempite d'acqua le giare» e le riempirono fino all'orlo.

 Disse loro di nuovo: «Ora attingete e portatene al maestro di tavola». Ed essi gliene portarono.

E come ebbe assaggiato l'acqua diventata vino, il maestro di tavola, che non sapeva di dove venisse (ma lo sapevano i servi che avevano attinto l'acqua), chiamò lo sposo e gli disse: «Tutti servono da principio il vino buono e, quando sono un po' brilli, quello meno buono; tu invece hai conservato fino ad ora il vino buono».

Così Gesù diede inizio ai suoi miracoli in Cana di Galilea, manifestò la sua gloria e i suoi discepoli credettero in lui.

 

”…creatura totalmente piena d’amore …”

 

Lei non è solo concepita, ma Concezione e per di più Immacolata.

Questo nome contiene molti altri misteri che nel tempo saranno svelati.

Esso indica, infatti, che l’Immacolata Concezione appartiene in certo qual modo all’essenza dell’Immacolata.

Questo nome deve esserle caro, poiché indica la prima grazia ricevuta nel primo istante della sua esistenza, e il primo dono è sempre il più gradito.

Questo nome, poi, si è realizzato lungo tutta la sua vita, poiché ella è stata sempre senza peccato.

Perciò fu altresì piena di grazia e Dio fu con lei, sempre e con lei, fino al punto che ella divenne la madre del Figlio di Dio.

Così il nome di “Immacolata Concezione” spetta di diritto a lei e solamente a lei…

La creatura totalmente piena di amore, di divinità è l’Immacolata, senza la benché minima macchia di peccato, colei che non deviò mai nessuna cosa dalla volontà divina.

 

Preghiamo una decina del santo Rosario secondo le intenzioni della Vergine Immacolata, Madre di Dio.

 

Padre Nostro

10 Ave Maria

Gloria al Padre

 

Richiesta della Grazia

 

O Dio, che nell’immacolata Concezione della Vergine hai preparato una degna dimora per il tuo Figlio, e l’hai preservata da ogni macchia di peccato, concedi a noi, per sua intercessione la grazia che ti chiediamo…

 

Preghiamo:

 

Padre santo, noi ti lodiamo e ti benediciamo per la materna sollecitudine che la beata Vergine Maria, alle nozze di Cana, manifestò per i giovani sposi.

Lei intervenne presso il Figlio e ordinò ai servi di eseguirne i comandi.

Fa’ che accogliendo l’invito della Madre, mettiamo in pratica ciò che il Cristo ci ha insegnato nel Vangelo.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

 

OTTAVO GIORNO: Maria, Madre nostra


”…Ecco la tua madre! …”


Dal Vangelo secondo Giovanni

«Stavano presso la croce di Gesù sua madre, la sorella di sua madre, Maria di Clèofa e Maria di Màgdala. Gesù allora, vedendo la madre e lì accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre “Donna, ecco il tuo figlio!”. Poi disse al discepolo “Ecco la tua madre!”. E da quel momento il discepolo la prese nella sua casa»

 

”…quanto è buona l’Immacolata …”

 

Carissimi figlioli, come desidererei dirvi, ripetervi, quanto è buona l’Immacolata, per poter allontanare per sempre dai vostri piccoli cuori la tristezza, l’abbattimento interiore e lo scoraggiamento.

La sola invocazione “Maria”, magari con l’animo immerso nelle tenebre, nelle aridità e perfino nella disgrazia del peccato, quale eco produce nel suo cuore che tanto ci ama! E quanto più l’anima è infelice, sprofondata nelle colpe, tanto più questo rifugio di noi poveri peccatori la circonda di amorevole e sollecita protezione.

Ma non affliggetevi affatto se non sentite tale amore.

Se volete amare, questo è già un segno sicuro che state amando; ma si tratta solo di un amore che procede dalla volontà.

 

Preghiamo una decina del santo Rosario secondo le intenzioni della Vergine Immacolata, Madre di Dio.

 

Padre Nostro

10 Ave Maria

Gloria al Padre

 

Richiesta della Grazia

 

O Dio, che nell’immacolata Concezione della Vergine hai preparato una degna dimora per il tuo Figlio, e l’hai preservata da ogni macchia di peccato, concedi a noi, per sua intercessione la grazia che ti chiediamo…

 

Preghiamo:

 

Padre santo, noi ti lodiamo e ti benediciamo per il perenne vincolo di amore instaurato ai piedi della croce, fra i discepoli e la Vergine Maria, come supremo testamento del tuo Figlio.

In noi Maria riconosce il suo adorato Figlio.

Donaci di ricorrere sempre a lei, Madre dei credenti, come a un sicuro rifugio.

Per Cristo nostro Signore. Amen.

 

NONO GIORNO: Maria, antagonista di satana.

 

Maria Immacolata

”…donna vestita di sole …”

 

Dal Vangelo secondo Giovanni

Nel cielo apparve poi un segno grandioso: una donna vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi e sul suo capo una corona di dodici stelle. Era incinta e gridava per le doglie e il travaglio del parto.

Allora apparve un altro segno nel cielo: un enorme drago rosso, con sette teste e dieci corna e sulle teste sette diademi; la sua coda trascinava giù un terzo delle stelle del cielo e le precipitava sulla terra.

Il drago si pose davanti alla donna che stava per partorire, per divorare il bambino appena nato. Essa partorì un figlio maschio, destinato a governare tutte le nazioni con scettro di ferro, e il figlio fu subito rapito verso Dio e verso il suo trono. La donna invece fuggì nel deserto, ove Dio le aveva preparato un rifugio.

 

”…immagine fedele della perfezione …”

 

Come possiamo aiutare ancora colei che, esaltata al di sopra di tutte le creature terrestri e celesti, è divenuta la madre di Dio e regna ormai eternamente in Paradiso?

Ella è la Regina del cielo e della terra, è la Mediatrice di noi tutti, attraverso le sue mani scorre sulla terra ogni grazia.

Che cosa dobbiamo augurarti, dunque, o illustrissima e dolcissima Signora?

Ebbene, o Regina, noi ti auguriamo con tutto il cuore e con tutta l’anima di prendere possesso al più presto possibile e in modo totale dei nostri cuori e dei cuori di tutti e di ciascuno senza eccezione

Regna su tutti noi e in tutti noi regna non solo durante questo nostro pellegrinaggio terreno, ma anche nei secoli dei secoli, in eterno!

L’Immacolata: ecco il nostro ideale. Avvicinarsi a Lei, renderci simili a Lei, permettere che Ella prenda possesso del nostro cuore e di tutto il nostro essere, che Ella viva e operi in noi e per mezzo nostro, che Ella stessa ami Dio con il nostro cuore, che noi apparteniamo a Lei senza alcuna restrizione…

Che la Sua vita si radiche sempre più in noi, di giorno in giorno, di ora in ora, di momento in momento, e ciò senza alcuna limitazione.


 

Preghiamo una decina del santo Rosario secondo le intenzioni della Vergine Immacolata, Madre di Dio.

 

Padre Nostro

10 Ave Maria

Gloria al Padre

 

Richiesta della Grazia

 

O Dio, che nell’immacolata Concezione della Vergine hai preparato una degna dimora per il tuo Figlio, e l’hai preservata da ogni macchia di peccato, concedi a noi, per sua intercessione la grazia che ti chiediamo…

 

Preghiamo:

 

Padre santo, tu sei il Dio giusto e misericordioso, che disperde i superbi e innalza gli umili, tu hai innalzato Maria Immacolata al di sopra degli angeli, dove regna gloriosa e intercede per tutti gli uomini, avvocata di grazia e regina dell’universo.

Donaci di lodare e innalzare sempre il Re dei Re e Signore dei signori e la Vergine Maria tua umile ancella.

Amen.

SONY DSC

O MARIA, VERGINE IMMACOLATA,

PRENDIMI SOTTO LA TUA

SPECIALISSIMA PROTEZIONE

E CUSTODISCI LA PUREZZA

DELLA MIA ANIMA,

DEL MIO CUORE E DEL MIO CORPO.

TU SEI IL MODELLO

E LA STELLA DELLA MIA VITA.

 

(meditazioni di San Massimiliano Maria Kolbe)

 

CHE S. MASSIMILIANO KOLBE IL CAVALIERE ED "IL FOLLE DELL'IMMACOLATA", CI SIA DI ESEMPIO…IMITIAMOLO CON LO STESSO ARDORE CHE LO SPINSE FINO AL SACRIFICIO TOTALE DI SÉ….IL SUO DISTINTIVO, IL DISTINTIVO DELLA SUA COMUNITA' FRANCESCANA, ERA LA MEDAGLIA MIRACOLOSA. ORA SI COMPIE IL DISEGNO DEL PADRE, FARE DI CRISTO IL CUORE DEL MONDO.

 

 

 

Lascia un commento